basilicatanet   Area Clienti
  image  
 
Home      Contatti Turismo      Hotel - B&b      Biglietterie      Eventi      Basilicata      Basilicatanet Video
 
     
 
Eventi
 
Mostre > Mostre in Basilicata 2011 Pagina 7 di 38  Precedente  |  Successiva
• Eventi Turistici
• Sagre in Basilicata
• Tradizioni della Basilicata
• Musica
» Mostre
  • Mostre in Basilicata 2012
  • Mostre in Basilicata 2011
  • Mostre in Basilicata 2010
  • Mostre in Basilicata 2009
  • Mostre in Basilicata 2008
• Eventi culturali
• Teatro
• Cinema
• Fiere
• Sport
 
Turismo
Hotel - B&b
Biglietterie
Basilicata
Made in Basilicata
Arte e Cultura
Basilicatanet
 
cerca Cerca nel sito
newsletter Iscrizione Newsletter
Invia questa pagina
 
Matera 2019
 
 
 

Joan Mirˇ e le essenze della terra

  08/10/2011 | Fino al: 09/12/2011
8 Ottobre - 10 Dicembre 2011, Castronuovo di Sant’Andrea (PZ)

A Castronuovo Sant’Andrea (PZ), nelle sale del MIG. Museo Internazionale della Grafica, la mostra dedicata a Joan Miró (1893-1983).

Come programmato in occasione dell’inaugurazione del Museo che, convivendo con la Biblioteca Comunale Alessandro Appella sviluppa in sinergia il rapporto arte - letteratura (sono previste, per la stagione 2011-2012, esposizioni di Degas, Renoir, Bonnard, Matisse, Dufy), la mostra è dedicata a un libro-cartella con testi di Joan Perucho, Andreu Bosch, Onofre Manescal e una ricca serie di litografie originali del grande artista catalano.
 
La scelta del libro-cartella è dovuta anche a un titolo, Les essències de la terra, esemplificativo per un Museo operante nel cuore della Lucania antica e nel Parco del Pollino, da sempre legati ai campi da coltivare, ai boschi da accudire, così da trarne le sostanze fondamentali della vita. Campi e boschi che nella Lucania interna, da decenni, a causa dell’emigrazione, sono in buona parte abbandonati.

Le intense litografie di Miró, eseguite nel 1968 per la Edicion Poligrafa di Barcellona, e i testi che queste litografie ispirano, inneggiano a una terra fertilissima che per secoli è stata il sostegno di chi l’ha coltivata, ripercorrono i gesti e segni della quotidianità compiuti da millenni dagli uomini intenti a estrarne le sue essenze. Il campo di grano, il solco dell’aratro, l’orto e i suoi frutti colorati, la vigna, l’acino d’uva spremuto, il volo delle api, lo splendore degli alberi in autunno, un ciliegio e un mandorlo in fiore, tessono lo scorrere delle stagioni e le gioie, le speranze e le delusioni di intere generazioni ritornate polvere di una terra che hanno visto sorgere o hanno inventato con amore, pazienza, lavoro e fantasia.
 
La memoria di Miró, nato a Montroig, un paese della Catalogna dove i segni del paesaggio sono secchi, duri, proprio come accade nello stile romanico, nella miniatura e negli affreschi qui fioriti dal Medio Evo al Rinascimento, educata dalle frequentazioni paesaggistiche di Van Gogh e dai contagi con il cubismo e il surrealismo del quale diventerà con Dalì uno dei principali artefici, a contatto con la terra ritrova l’istinto e l’ingenuità nativa che i poeti hanno aiutato a riscoprire.

Non è un caso se, fin dagli inizi, molte sue opere portano titoli quali L’asino nell’orto, La fattoria, La fattoressa, Terra arata, La spiga di grano, Pastorale, fino al Personaggio che contempla il sole, del 1942, dove con tecniche rinnovate, il sole rosso della sua infanzia si staglia nello spazio verde del campo tra linee e macchie che non tengono in alcun conto le esigenze della profondità.

Ogni dipinto è un tiro al bersaglio sul quale si muove, tra scarabocchi e minute figurine, un mondo sempre inatteso, privo di artificio e di schemi, nel quale volano e si scontrano i mille aquiloni della fantasia. Senza mai sottrarsi alle regole della pittura, della grafica, della scultura ma abbandonandosi alla felicità del fare, alla poesia delle germinazioni, dei cominciamenti, proprio come accade alla terra che da millenni ritorna, stagione dopo stagione, a distillare le sue essenze.

Come è consuetudine di una biblioteca aggiornata, sarà possibile leggere e guardare vari libri e cataloghi sull’opera di Miró, non escluso l’ultimo pubblicato per la grande mostra alla Tate Modern di Londra, trasferita, dal 13 ottobre, alla Fondazione Mirò di Barcellona.

Per l’occasione, lo staff del Museo organizza, per le scuole dei 24 Comuni facenti parte del Parco del Pollino (Castronuovo, Calvera, Castelluccio Inferiore, Castelluccio Superiore, Castelsaraceno, Carbone, Cersosimo, Chiaromonte, Episcopia, Fardella, Francavilla in Sinni, Latronico, Lauria, Noepoli, Rotonda, San Costantino Albanese, San Giorgio Lucano, San Paolo Albanese, San Severino Lucano, Senise, Teana, Terranova di Pollino, Valsinni e Viggianello) e dei paesi limitrofi (Roccanova, Sant’Arcangelo, Gallicchio, San Chirico Raparo, San Martino, Missanello, Gallicchio), un’ intensa attività didattica che ha al centro il segno e il colore di Mirò come stimolo della creatività.

La mostra, organizzata nell’ambito della VII Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI, con il patrocinio del Comune e della Pro Loco di Castronuovo di Sant’Andrea, il contributo di De Biase Costruzioni srl, D.L.G.C Impianti P.S.C . arl, Gadi snc Impianti Termoidraulici e la Parrocchia “Santa Maria della Neve”di Castronuovo di Sant’Andrea, resterà aperta fino al 10 dicembre 2011, tutti giorni, dalle 17 alle 20. Ingresso gratuito.
 
Informazioni
image
Joan Miró
e le essenze della terra


8 Ottobre - 10 Dicembre 2011

MIG
Museo Internazionale della Grafica

Biblioteca Comunale
Alessandro Appella

Palazzo dell’Antico Municipio
Piazza Guglielmo Marconi 3
85030 Castronuovo Sant’Andrea (PZ)

Tel. e fax 0973. 835014
Mobile 3474017613
 
image
 
www.basilicatanet.com  
© Basilicatanet.com - Tutti i diritti riservati Contatti - Privacy