basilicatanet   Area Clienti
  image  
 
Home      Contatti Turismo      Hotel - B&b      Biglietterie      Eventi      Basilicata      Basilicatanet Video
 
     
 
Eventi
 
Eventi culturali > Eventi culturali 2011 Pagina 6 di 74  Precedente  |  Successiva
• Eventi Turistici
• Sagre in Basilicata
• Tradizioni della Basilicata
• Musica
• Mostre
» Eventi culturali
  • Eventi culturali 2011
  • Eventi culturali 2010
  • Eventi culturali 2009
  • Eventi culturali 2008
• Teatro
• Cinema
• Fiere
• Sport
 
Turismo
Hotel - B&b
Biglietterie
Basilicata
Made in Basilicata
Arte e Cultura
Basilicatanet
 
cerca Cerca nel sito
newsletter Iscrizione Newsletter
Invia questa pagina
 
Matera 2019
 
 
 

Le nuove sfide ambientali della PAC

  20/10/2011
Venerdì 21 Ottobre 2011 Agriturismo Il Querceto - Località Barricelle, Marsicovetere (PZ)
Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri - Lagonegrese

Workshop: Le nuove sfide ambientali della PAC - Agricoltura cambiamenti climati ed energie rinnovabili
In occasione del workshop sarà presentata la mostra itinerante AGRIETOUR: la PAC per conservare l’ambiente e la biodiversità. Viaggio nelle nuove sfide ambientali della politica agricola comune dell’Europa e distribuito materiale informativo del progetto.

image
 
Programma
Saluti e introduzione ore 9.30
Domenico Totaro
Commissario del Parco Nazionale Appennino Lucano, Val d’Agri - Lagonegrese
Vilma Mazzocco
Assessore all’Agricoltura della Regione Basilicata
Nicola Figliuolo
Assessore alle Attività Produttive e Politiche energetiche della Provincia di Potenza
Vito Mazzilli
Presidente WWF Basilicata

Interventi
Franco Ferroni
WWF Italia, Responsabile Policy Biodiversità, Aree Protette, Agricoltura
Domenico Gaudioso
Responsabile settore pressioni ambientali ISPRA - Istituto Superiore Protezione Ricerca Ambientale
Andreotto Gaetani
FEDERBIO, Presidente Comitato Scientifico
Vittorio Marletto
ARPA Emilia-Romagna - Servizio Idro-Meteo-Clima
Alessandro Pierantoni
APER, Associazione Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili - Settore biogas
Fernando Di Fabrizio
Direttore Riserva Naturale Regionale Lago di Penne - Abruzzo
Gennaro Mecca
Coldiretti

E’ previsto inoltre l’intervento di un funzionario del Dipartimento Agricoltura della Regione Basilicata esperto di energie rinnovabili

Pranzo a buffet e coffee breaks offerti dall’organizzazione Per maggiori informazioni: www.agritour.eu
 
Le nuove sfide ambientali della PAC - Agricoltura cambiamenti climati ed energie rinnovabili
L’attuale contesto agricolo italiano è caratterizzato, per quanto concerne gli aspetti maggiormente pertinenti con i cambiamenti climatici, da problematiche legate alla qualità ed utilizzo della risorsa acqua (scarsa disponibilità, siccità, inquinamento, salinità), al suolo e alla sostanza organica, al processo di desertificazione delle aree meridionali del paese ed ad una diffusa semplificazione dell’agroecosistema con l’aumento dei rischi di erosione, perdita di capacità di resilienza agli impatti negativi e perdita diffusa di biodiversità.

Lo scenario futuro relativamente al comparto agricolo a seguito dell’azione dei mutamenti climatici porterà all’insorgenza di numerose problematiche dovute ai processi di aridità e degrado dei suoli, all’incremento della frequenza e dell’intensità di eventi meteorologici estremi (alluvioni o periodi di siccità). Nelle zone già afflitte da scarsità idrica e da degrado dei suoli potranno accrescersi i fattori di rischio.

Aumenterà il rischio di desertificazione dove si verificheranno diminuzioni della soglia di circa 600 millimetri l’anno di precipitazioni totali accoppiate a temperature medie crescenti ed in queste aree aumenterà anche il trend di salinizzazione delle falde e dei terreni. Le colture agrarie cresceranno più velocemente con periodi di crescita più corti ed il degrado dei terreni con la perdita di sostanza organica e l’accentuarsi dei fenomeni climatici porterà ad un aumento dell’erosione eolica ed idrica. A causa della variazione delle precipitazioni ed aumento dell’evapotraspirazione a seguito dell’innalzamento della temperatura ci sarà un aumento della richiesta di acqua per l’irrigazione e dei picchi di richiesta. Nell’Italia centro settentrionale si potrebbero verificare modifiche di cicli idrologici per maggiore disponibilità di acqua e con degrado dei terreni agricoli dovuti a condizioni di maggiore ruscellamento (soprattutto nei suoli delle zone collinari e di pendio). Le aree della zona bassa del delta del Po potrebbero subire un ulteriore degrado per l’innalzamento del livello del mare e l’intrusione di acque salmastre.
 
L’agricoltura sarà quindi uno dei settori economici più esposti agli effetti dei cambiamenti climatici, ma allo stesso tempo alcune pratiche agricole e zootecniche sono una delle cause dei cambiamenti climatici per le emissioni di anidride carbonica e metano in atmosfera.

Dal 1990 ad oggi la superficie italiana destinata alla produzione agricola ha subito una significativa riduzione, passando da circa 15 milioni d’ettari di SAU a circa 13 milioni d’ettari. Questo segnale di difficoltà è confermato anche dalla riduzione del numero delle aziende agricole, che nello stesso periodo sono passate da 2.593.090 a 2.217.546 unità, con un calo del 15% circa. Le cause di questa perdita di aziende sono il progressivo invecchiamento degli imprenditori agricoli (l’età media supera i 60 anni di età) e il ridotto ricambio generazionale, la riduzione significativa del reddito delle aziende agricole per le quali i ricavi in molti processi produttivi non riescono a coprire i costi.

Una possibile soluzione a questi problemi è la diversificazione delle attività nella gestione delle aziende attraverso la multifunzionalità. In questo scenario l’agricoltura è chiamata ad affrontare una nuova sfida: gli impatti dei cambiamenti climatici sulle attività agricole. Lo sviluppo delle energie rinnovabili (solare, biomasse, eolico) sono una delle possibili forme di diversificazione del reddito delle imprese agricole e uno dei principali strumenti per contrastare i cambiamenti climatici, ma possono determinare impatti sull’ambiente se realizzate senza una adeguata programmazione e progettazione.

La PAC offre l’opportunità alle imprese agricole di sviluppare varie forme di produzione di energia rinnovabile consentendo la riduzione dei costi di gestione delle aziende e la riduzione delle emissioni inquinanti che contribuiscono ai cambiamenti climatici.

Il workshop avrà la finalità di presentare i possibili scenari degli effetti dei cambiamenti climatici sull’agricoltura italiana e il contributo che la PAC potrà fornire per la soluzione dei problemi e per il necessario adattamento attraverso lo sviluppo delle energie rinnovabili nelle aziende agricole multifunzionali.
 
Informazioni
Workshop
Le nuove sfide ambientali della PAC - Agricoltura cambiamenti climati ed energie rinnovabili

Venerdì 21 Ottobre 2011

Agriturismo Il Querceto
Località Barricelle
Marsicovetere (PZ)

Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri - Lagonegrese

>> www.ilquerceto.it
 
Progetto realizzato con il cofinanziamento della Comunità Europea - Direzione Generale per l’Agricoltura e lo sviluppo Rurale. Contratto N. AGRI.2011-0126”. «Sostegno a favore di azioni di informazione riguardanti la politica agricola comune» . Attuazione di azioni di informazione di cui alla voce di bilancio 05 08 06 per l’esercizio 2011 (2010/C 231/05).
 
www.basilicatanet.com  
© Basilicatanet.com - Tutti i diritti riservati Contatti - Privacy