basilicatanet   Area Clienti
  img  
 
Home      Contatti Turismo      Hotel - B&b      Biglietterie      Eventi      Basilicata      Basilicatanet Video
 
     
 
Turismo
 
Vulture - Melfese > Melfi
• Matera
• Parco della Murgia Materana
• Dove dormire in Basilicata
• Agriturismo in Basilicata
• Parco della Grancia
• Il Volo dell’Angelo
• Castelmezzano
• Pietrapertosa
• Le Dolomiti Lucane
• Via Ferrata Dolomiti Lucane
• Parco di Gallipoli Cognato
• Parco Nazionale del Pollino
• Il Volo dell’Aquila
» Vulture - Melfese
  • Melfi
  • Venosa
  • Rionero in Vulture
  • Barile
  • Rapolla
  • Lagopesole
  • Acerenza
  • Lavello
  • Banzi
• Habitat Rupestre
• Potenza
• La Montagna Potentina
• Collina Materana
• Costa Jonica della Basilicata
• Maratea
• Le stagioni della Basilicata
• Turismo Didattico
 
Hotel - B&b
Biglietterie
Eventi
Basilicata
Made in Basilicata
Arte e Cultura
Basilicatanet
 
cerca Cerca nel sito
newsletter Iscrizione Newsletter
Invia questa pagina
 
Matera 2019
 
 
 

Melfi

Melfi sorge su una collina che si affaccia sulla valle dell’Ofanto a poca distanza dal monte Vulture. Il centro storico è racchiuso nell’originaria cinta muraria normanna riedificata in età aragonese. Il castello di forma poligonale, con otto torri e fossato difensivo, è il risultato di interventi che si sono susseguiti nell’arco dei secoli. Il nucleo più antico è costituito dal corpo di fabbrica centrale composto da quattro torri angolari che racchiudono un perimetro quadrato, voluto dai cavalieri normanni all’inizio del XII secolo. In esso si tennero ben cinque Concili papali e nell’anno 1089 fu bandita la prima crociata in Terra Santa. Nel secolo successivo il castello fu ampliato, per volere di Federico II, e divenne forziere del regno, prigione ed un importante centro di studi, in cui Pier delle Vigne e Riccardo da Capua redassero nel 1231 le “Costitutiones Augustales”, il più antico testo di leggi scritte del medioevo, un’opera di primaria importanza per la storia del diritto.
image
 
Altri ampliamenti si ebbero con gli angioini, i caracciolo di Napoli e con i doria che tennero il castello dal 1531 al 1952, anno in cui fu donato allo Stato Italiano affinché fosse istituito il Museo Archeologico Nazionale del Melfese intitolato a Massimo Pallottino, un noto archeologo italiano. Al primo piano del castello sono esposte ceramiche daunie a decorazione geometriche, armature in bronzo di capi guerrieri sepolti con il carro da parata e ornamenti preziosi in ambra ed oro.
Nella torre dell’orologio si conserva il Sarcofago in marmo ritrovato a Rapolla databile al II secolo d.C. Sul coperchio è rappresentata una nobildonna defunta, mentre sulle lastre del sarcofago dei ed eroi romani, sono racchiusi in nicchie con colonne tortili e capitelli, a testimoniare l’appartenenza della defunta ad un’importante famiglia aristocratica.
image
 
Della prima cattedrale, costruita nei primi anni del secolo XI, non rimane più nulla. Una nuova costruzione fu eretta nell’anno 1153 per volere di Ruggero II di cui rimane soltanto il campanile impreziosito da finestre bifore, che mostra in pietra lavica due leoni, simbolo della potenza normanna e l’impianto di base della costruzione. La chiesa fu distrutta dal terremoto del 1694 e ricostruita in stile barocco nel XVIII secolo con i fondi personali del vescovo Spinelli. La navata centrale presenta un soffitto a cassettoni con intarsi e sbalzi in legno decorato, opera di maestri napoletani. In fondo alla navata sinistra, nella lunetta, è alloggiato l’affresco bizantino della “Madonna con Bambino e Arcangeli”, che rimanda all’iconografia della chiesa rupestre “Madonna della Croce” di Matera.
 
Appena fuori dal centro abitato, lungo la strada per Rapolla, è visitabile la chiesa rupestre di Santa Margherita scavata nel banco tufaceo e impreziosita da affreschi medievali realizzati da due pittori di formazione diversa, una bizantina e l’altra catalana.
In contrada Giacomelli, è possibile visitare la chiesa rupestre di S. Lucia. La navata unica, voltata a botte, conserva affreschi di tradizione bizantina, raffiguranti le Storie di S. Lucia, commissionati dal prete Biagio nel 1292.
image
 
Il Castello di Melfi sede del Museo Archeologico Nazionale
image
 
Il Corteo storico
Il Corteo Storico Federiciano nasce nel 1997 e si svolge l’ultimo fine settimana di ottobre.
E’ un evento che celebra le attività più importanti svolte da Federico II a Melfi.
image
 
Il rito comprende danze e musiche medievali, il corteo dell’imperatore Federico II, la cerimonia di investitura di un cavaliere secondo il diritto normanno, il torneo medievale degli antichi casati di Melfi.
image
 
Molto suggestivo è il raduno dei falconieri che provengono da tutta Europa con la gara di caccia con i falconi.
image
 
www.basilicatanet.com  
© Basilicatanet.com - Tutti i diritti riservati Contatti - Privacy