basilicatanet   Area Clienti
  image  
 
Home      Contatti Turismo      Hotel - B&b      Biglietterie      Eventi      Basilicata      Basilicatanet Video
 
     
 
Made in Basilicata
 
Zootecnia Pagina 13 di 15  Precedente  |  Successiva
• Aziende Agricole Lucane
• Gastronomia Lucana
• Prodotti Tipici Lucani
• Cucina e ricette Lucane
• Cultura Enogastronomica
• Vetrina Imprese
• Agricoltura
» Zootecnia
 
Turismo
Hotel - B&b
Biglietterie
Eventi
Basilicata
Arte e Cultura
Basilicatanet
 
cerca Cerca nel sito
newsletter Iscrizione Newsletter
Invia questa pagina
 
Matera 2019
 
 
 

Il lavoro delle APA per la qualitą della zootecnia lucana

 
Le Associazioni provinciali degli Allevatori di Matera e Potenza sono presenti con la loro azione quotidiana al servizio del sistema zootecnico lucano dai lontani anni ’50. Anche nel 2009 il lavoro fatto sul territorio è stato teso a garantire un efficiente Servizio di Assistenza Tecnica agli allevatori, secondo gli indirizzi e le linee programmatiche concordate con il Dipartimento Agricoltura della Regione Basilicata, per la tutela e valorizzazione delle produzioni zootecniche.
image
 
Sono diverse le produzioni che stiamo valorizzando: latte fresco bovino, carne bovina (tra cui la carne Podolica), carne ovina (agnello lucano) e caprina, trasformati del latte bovino (fiordilatte, scamorza, burrate, caciocavallo, tra cui caciocavallo Podolico), formaggi di pecora e di capra, insaccati di suino, produzioni cunicole. Una valorizzazione che ha subito una notevole accelerazione a seguito della scelta di presentare l’intera produzione con un marchio regionale a garanzia di origine, rintracciabilità, sicurezza alimentare e benessere animale nelle produzioni zootecniche lucane.
 
image
Il marchio si è rilevato utile a caratterizzare le produzioni zootecniche lucane ed ha rappresentato la risposta all’esigenza sempre più diffusa dei consumatori di voler conoscere i requisiti e la qualità degli alimenti della nostra regione. La promozione di una singola produzione aziendale e non collettiva, per quanto di livello elevato o addirittura eccellente, è comunque limitata è non corrisponde all’obiettivo di affermare sul mercato oltre al prodotto, anche un’immagine vincente di un sistema zootecnico, di una rete di imprese, di un territorio nel suo complesso.

L’adozione di un marchio regionale, quindi, non solo penalizza ma contribuisce ad esaltare la specificità del marchio aziendale della singola produzione. Il marchio regionale non è un’operazione di mera pubblicità ma rappresenta il momento di sintesi e di evidenziazione delle innumerevoli attività tese alla valorizzazione delle produzioni ottenute con tecniche rispettose dell’igiene, del benessere animale e della salute del consumatore.
 
image
E’ in questa logica che è maturata e si è sviluppata l’esperienza di “Orizzonti lucani”, il marchio regionale presentato nel 2008 e collegato ad un Marchio Nazionale (Italialleva) definito dall’Associazione Italiana Allevatori, d’intesa con il Ministero per le Politiche Agricole e le cui linee operative sono state validate dal Ministero della Salute. Sono sempre più numerose le strutture di trasformazione e le aziende che forniscono materie prime (latte e carne) che si fregiano di questo marchio.

Tutto ciò ci consente di fare un bilancio positivo di questa prima esperienza di un marchio collettivo regionale per dare forza alle produzioni locali del comparto zootecnico, che ha consentito di veicolare taluni prodotti anche nel settore della grande distribuzione. Una valutazione positiva che è sicuramente alla base della scelta della Giunta Regionale che, su proposta del Dipartimento Agricoltura e Sviluppo rurale, ha deciso di procedere all’estensione del marchio all’intero sistema agro-alimentare. Un “work in progress” che ha comportato l’inevitabile necessità di modificazione della denominazione (attualmente caratterizzata dal solo settore zootecnico di partenza) in “Qualità Lucana”, pur conservando nel logo la già nota girandola.

Le APA di Matera e Potenza apprezzano l’impegno dell’assessore On. Vincenzo Viti, in questo percorso di difficile ma necessaria ed utile attività di valorizzazione delle produzioni agro-alimentari lucane e sono orgogliose di avervi contribuito sin qui con la propria azione, assicurando per lo stesso obiettivo un immutato impegno anche per il futuro. Rilevante, per il conseguimento di questi obiettivi, è la costante attività delle APA per il miglioramento genetico delle specie allevate, dimostrato anche dagli importanti riconoscimenti riservati agli esemplari di animali presentati nelle manifestazioni partecipate dai nostri allevatori.

Il Presidente APA Matera
Nunzio Dimauro

Il Presidente APA Potenza
Palmino Ferramosca
 
Le attivitą delle APA tra 2009 e 2010
In Basilicata il comparto zootecnico ha un peso economico rilevante nell’intero settore agro-alimentare e riveste un prezioso ruolo di presidio del territorio, tutela dell’ambiente, nonché occupazionale e sociale. Le attività delle APA contribuiscono al mantenimento di un forte legame tra le qualità delle produzioni con le tradizioni ed il territorio. Il 2009 è stato caratterizzato dall’impegno a consolidare i servizi già erogati e dall’introduzione contestuale (grazie alle politiche attive di settore dell’Ente Regione) di nuove attività i cui effetti saranno percepibili nel corso del 2010.

Le nuove attività avviate nel 2009
- Identificazione elettronica degli animali mediante applicazione di microchip
- Introduzione negli allevamenti ovini di riproduttori resistenti alla Encefalopatia Spongiforme con lo scopo di eliminare questa patologia trasmissibile
- Potenziamento del miglioramento degli allevamenti bovini (da carne e da latte) ed equini mediante l’utilizzo di riproduttori con elevate caratteristiche genetiche
- Attività di sicurezza alimentare che si esplica , oltre che attraverso lo svolgimento delle attività consolidate (lotta e prevenzione alle parassitosi ed alle patologie ricorrenti negli animali), attraverso il monitoraggio del tenore di aflatossine nel latte e negli alimenti zootecnici
- Programma di interventi contro le parassitosi animali e realizzazione di una mappatura di quelli presenti sul territorio
- Avvio dell’etichettatura facoltativa delle carni bovine con l’apertura da novembre a Potenza di un apposito Ufficio Regionale. Un sistema che consentirà di evidenziare l’intera filiera dall’allevamento alla macelleria, di valorizzare le razze locali, di permettere al consumatore di scegliere tra una carne “anonima” e una carne di cui ogni singolo passaggio è certificato con un’etichetta che sarà controllabile anche on-line tramite il sito www.ccbi.it

Servizi consolidati e strutture di supporto
Tra i servizi già erogati (che da luglio 2005 sono attestati dal Sistema della Gestione per la Qualità Totale certificata dall’Istituto Quasar con riferimento alla norma UNI ENI ISO 9001/2000) ricordiamo: la tenuta dei Libri Genealogici ed esecuzione dei Controlli Funzionali, le attività tecniche complementari alla Selezione e Miglioramento genetico, il Servizio di Assistenza Tecnica Veterinaria, il Servizio di Assistenza Tecnica Agronomica e Zootecnica, il Centro Informatico (C.E.D. e S.I.T.). Servizi supportati da strutture qualificate quali: il Laboratorio chimico per alimenti e produzioni zootecniche e microbiologico, il Centro di selezione multispecie di Laurenzana (torelli, ovi-caprino, conigli) e il Centro Cavalli di Piano del Conte Avigliano.

Protocolli e accordi
Nel 2009 sono stati sottoscritti anche protocolli d’intesa: Regione Basilicata-A.I.A-APA (per la valorizzazione delle produzioni lucane e per le politiche di sostegno e rafforzamento delle filiere agro-zootecniche); Regione Basilicata-ANABIC-APA (per la realizzazione di iniziative e di progetti tesi al miglioramento e lo sviluppo dell’allevamento podolico regionale); Regione Basilicata-Unione Regionale Cuochi -APA (per promuovere tra i consumatori la commercializzazione e il consumo delle produzioni regionali a marchio “Qualità lucane”). Sempre nel 2009, tra le APA e l’Associazione lucana Veterinari, vi è stato un rinnovato rapporto di collaborazione per qualificare sempre più il servizio negli allevamenti e valorizzare la figura e il ruolo del veterinario.

Manifestazioni e incontri
Molteplici, poi, le manifestazioni di settore a cui le APA hanno partecipato con le aziende associate e che hanno portato numerosi riconoscimenti a testimonianza della qualità degli allevamenti lucani: Raduno stalloni (Merano), Confronto europeo dei cavalli haflingher (Merano), Fiera Cavalli (Verona), Mostra Nazionale Podolica (Foggia), Mostra interregionale del bovino da latte del centro-sud (Noci). Di particolare rilevanza è stato il “Congresso Internazionale sulla podolica” organizzato dalle APA a Matera. Infine, di particolare rilievo, gli incontri zonali organizzati per tecnici e allevatori sulle tematiche di maggiore interesse per il settore (aflatossine, web pac, podologia, ecc).
 
Informazioni e contatti
image
Associazione Provinciale Allevatori di Potenza

Via Dell’Edilizia
85100 Potenza

Tel. +39 0971 470 000
Fax +39 0971 470 405
 
image
Associazione Provinciale Allevatori di Matera

Via Trabaci snc
75100 Matera

Tel. +39 0835 309 011
Fax +39 0835 309 011
 
www.basilicatanet.com  
© Basilicatanet.com - Tutti i diritti riservati Contatti - Privacy